foto-carlo-musi-375x230

La cartolina della domenica è indirizzata a Carlo Musi

Questa rubrica non si rivolge a protagonisti politici od a protagonisti noti del momento. E’ un piccolo spazio che viene utilizzato per ricordare coloro che hanno avuto ideali, valori e creatività, per divenire esempi per le generazioni future. Un’attenzione particolare sarà riservata agli uomini ed alle donne bolognesi e della provincia interpreti ironici e beffardi della cultura emiliano-romagnola.

Piazza Marino

La cartolina della domenica è indirizzata a Piazza Marino

Questa nuova rubrica non si rivolge a protagonisti politici od a protagonisti noti del momento. E’ un piccolo spazio che viene utilizzato per ricordare coloro che hanno avuto ideali, valori e creatività, per divenire esempi per le generazioni future. Un’attenzione particolare sarà riservata agli uomini ed alle donne bolognesi e della provincia interpreti ironici e beffardi della cultura emiliano-romagnola.

6-foto-gino_cervi_-_maigret

La Cartolina della Domenica indirizzata a Gino Cervi

Gino Cervi. Nelle nostre intenzioni, con la Cartoline della Domenica, vorremmo costruire una collezione che raccolga i testimoni di Bologna e provincia ricordandone le personalità, gli scritti, la presenza, gli aneddoti, le attività. Cercheremo di formare una “strenna” che non porti ad una romantica nostalgia di maniera ma ad una rinata considerazione culturale attraverso la conoscenza dei protagonisti che hanno contribuito a dare lustro alla città di Bologna e alla sua splendida provincia.

Alfredo Testoni in una foto d'epoca.

La Cartolina della Domenica indirizzata a Testoni

Nelle nostre intenzioni, con la Cartoline della Domenica, vorremmo costruire una collezione che raccolga i testimoni di Bologna e provincia ricordandone le personalità, gli scritti, la presenza, gli aneddoti, le attività. Cercheremo di formare una “strenna” che non porti ad una romantica nostalgia di maniera ma ad una nuova considerazione della lingua dialettale e dei suoi personaggi, che la faccia uscire da quella bolla di pensiero che la costringe ad un colpevole isolamento.