Giusy Stefani. (ph. R. Cerè)

Giusy Stefani al Poesia Festival il 23 settembre -VIDEO e programma

Giusy Stefani sarà presente al Poesia Festival 2017 nella sezione Eventi Collaterali alla Rocca Rangoni di Spilamberto (Mo), sabato 23 settembre. Nell’ l’occasione abbiamo preparato un video in anteprima per invitarvi all’incontro. Giusy è una artista samoggina di Bazzano che oggi abita a Piumazzo e su Millecolline sono stati pubblicati già tre articoli su di lei, se volete, potete cliccare qui per ascoltare lei e una sua poesia.

_MG_3303_DxO

Giusy Stefani, una poesia dal vivo – VIDEO

VIDEO. Bazzano in Valsamoggia (Bo), 30/05/15. Giusy Stefani ha presentato oggi il suo primo libro di poesie, “Dove danzano le stelle”  in Libreria Indipendente CARTA/BIANCA, ovvero nel suo paese natio. Già, perchè Giusy è di Bazzano e presentare un libro di poesie nel paese natio non è uno scherzo; non ci crederete ma ci vuole coraggio per “affrontare” i vecchi compaesani. E lei lo ha fatto.

_MG_3343_DxO

la poesia di Giusy.

S. Cesario (Mo), sabato 21/02/15. La poesia. Un argomento difficile da affrontare, forse perchè il tempo da dedicare alla sua comprensione ha bisogno di concentrazione e lentezza ma il mondo che oggi condividiamo da più valore alla velocità; così non ci rimane tempo per approfondire e possiamo far finta di dedicarci a cento e più cose.

_MG_3303_DxO
Giusy Stefani, S. Cesario (Mo). Recita una sua poesia. Febbraio 2105.

Ma la poesia ci invita a riconsiderare il tempo come fosse scandito da un orologio molto più vicino a noi di quello che ci impone il nostro povero orologio da polso. Giusy Stefani si muove in questo mondo e scrive poesie; le sue poesie sono state lette da qualcuno a cui sono piaciute e così è nato il suo primo libro. Siccome nessuno è profeta in patria, evidentemente nemmeno Giusy poteva essere compresa da chi le vive attorno; ci ha pensato la Associazione “Fratelli d’Arte” di Milano a editare il suo primo libro di poesie.

_MG_3331_DxO
Giusy fra il suo pubblico. S. Cesario (Mo), 2015.

 

Ci siamo trovati così alla presentazione del suo lavoro: “Dove danzano le stelle” nella bella sala allestita in Villa Boschetti di S. Cesario (Mo) e presentata da Silvia Valenti; io sono arrivato un po in ritardo (come solito) ma non abbastanza da non essermi perso la lettura di alcune poesie lette direttamente dalla voce emozionata di Giusy intervallata da una ottima interpretazione musicale unplugged di brani dei Led Zeppelin (!) eseguiti da Massimo Max Gambin e Guglielmo Scarmagnani.

_MG_3316_DxO
Silvia Valenti, Giusy Stefani e Massimo Max Gambin. S. Cesario (Mo), 2015.

 

Una bella serata in cui la poesia ha fatto capolino in questo territorio dominato in cui motori e dallo shopping che la fanno da padrone sulla vita di tutti noi.

_MG_3324_DxO
Massimi Max Gambin e Guglielmo Scarmagnani. S. Cesario (Mo), 2015.

 

Una piccola riscossa che speriamo abbia adeguato seguito.

_MG_3345_DxO
Uno degli ospiti più coccolati della serata. S. Cesario (Mo), 2105.
_MG_0583_DxO-1

Dove danzano le stelle. Poesie di Giusy Stefani

Un libro di poesie illustrato dai propri quadri; un bel regalo di Natale per Giusy Stefani, questo è quanto potrete trovare in libreria già da oggi.

Le cose del tempo compiono percorsi che incantano, a volte sono autostrade, altre semplici passaggi appena tracciati nell’erba; alcuni anni fa eravamo “intrattenitori” alla stessa radio, io e Giusy, ma non ci siamo mai incontrati, oggi ci siamo presentati come fosse una nuova volta per parlare del libro di poesie che ha appena firmato. Un libro che raccolga poesie è, di per se, un piccolo evento e la sua realizzazione la dobbiamo al curatore Andrea Bassani  e alla direzione di Silva Valenti che hanno creduto nelle poesie di Giusy fino al grande passo di pubblicarle.

Dove danzano le stelle

Oggi è venerdì e pare un buon giorno per incontrare Giusy in questi giorni di festa; dopo i primi saluti è già intenta a preparare il caffè e sembra un po’ in allegro allarme quando mi vede armeggiare alla mia macchina fotografica, non si aspettava di essere il soggetto da fotografare.

_MG_0549_DxO

Poi il caffè. Ho idea che il caffè abbia compiuto una piccola magia perchè da li a poco la macchina fotografica è stata meno “ingombrante” ed ha lasciato il posto al racconto legato alla casualità del suo percorso poetico:  -“ Le poesie che scrivo sono state “scoperte” per caso; per puro caso. Io non ho mai cercato di dare una mia poesia a qualcuno perché mi potesse dare un suo parere. Non  è mai successo. La prima poesia l’ho messa io su facebook un giorno, per gioco, ed è stato in una occasione molto triste: era una poesia dedicata a mia mamma, era il settembre del 2010. Questa poesia l’ha letta un mio amico che si occupa di arte e letteratura; così l’ha “presa” e l’ha pubblicata assieme ad un’altra mia poesia. Così è cominciato; per puro caso ”.

 “Scrivo poesie perché c’è come una voce che ho dentro e che non riesco ad arginare. E’ una voce che mi esce. Ed io scrivo. Io scrivo poesie non quando decido di scriverle; scrivo poesie quando mi vengono in mente e di solito avviene nei momenti più impensati; spesso mi capita di scrivere poesie mentre sto mangiando. Alcune delle poesie che amo di più mi sono uscite mentre ero a tavola, mentre mangiavo, da sola, mi sono uscite così, come per i miei quadri, deve succedere questa è una magia”.

“Nessuno capisce quale sia il motivo, l’esigenza, di scrivere poesia ai nostri giorni. Perché scrivere delle poesie? In tutta questa fretta nessuno lo capisce, in tanti dicono che scrivere poesie, al giorno d’oggi, è una roba fuori tempo. Invece io non sono d’accordo, la poesia sta ritornando nei cuori di molti e tante persone hanno ripreso a scriverne; io ritrovo poesie nel teatro, nella musica, i musicisti bravi sono dei poeti. La musica è poesia e la poesia è musica, è come un unico circolo, in cui includo anche la pittura ed io dipingo da sempre” ._MG_0554_DxO

 

“Io credo che molti non vogliano entrare nel loro profondo; la poesia è una cosa che va oltre le parole e la maggior parte delle persone è a disagio nel silenzio di una poesia. Nei miei testi c’è anche una sofferenza interiore, le parole sono malinconiche e sofferte però è difficile coglierlo (Silvia nella presentazione ha capito quello che sono le mie poesie). Anche molte mie amiche non capiscono come io possa dedicarmi a scrivere delle poesie quando, secondo loro, ci siano tante altre cose più divertenti da fare. Di nuovo, la poesia come espressione fuori dal tempo e mi dicono:  ma tu Giusy vivi in un altro mondo non qui a terra assieme a noi. Nessuno scrive poesie (di gente che conosco) a parte i tanti musicisti e cantautori che seguo e conosco”.

_MG_0586_DxO

“ Le mie poesie sembrano difficili da comprendere perché a me piace l’ermetismo e i poeti ermetici mi hanno un po’ condizionata. Le me poesie hanno un taglio un po’ particolare, nel senso che per me ci sono colori anche nel vento e così cerco di descriverli; le mie amiche mi sentono parlare dei colori del vento e mi dicono che sono una pazza scatenata. Io sorrido sempre, in questo  assomiglio a mia madre”.

 

 

 

 

 

Testo e foto di Roberto Cerè per Millecolline.