Pillola corsara N°23 – La geografia dei nostri patrimoni è terremotata

La geografia dei nostri patrimoni artistici è terremotata

In questi giorni viviamo, con viva partecipazione e solidarietà, i tristi e drammatici avvenimenti dovuti alle devastanti scosse del terremoto, concentratesi nel centro della nostra bella Italia. Regioni come Umbria, Marche ed Abruzzo, di rara bellezza paesaggistica ed artistica, sono allo stremo e moltissimi patrimoni artistici inestimabili nella loro realizzazione e testimoni di epoche in cui si formarono, sono andati in mille pezzi. La continuità degli ideai e dei simboli della nostra storia e della nostra identità è stata frantumata, cancellata, in pochi secondi, in modo spietato.

Si dice che la Natura non commetta crimini e che tutto è colpa dell’uomo o di ciniche fatalità. Vorrei essere, per un momento, in disaccordo:è vero che non dobbiamo consolarci nel ritenere qualcuno o qualcosa sia sempre il capro espiatorio, ma la Natura ha un suo misterioso disegno ed è quello che regola sia la nostra esistenza, sia quella dello stesso Pianeta. Non possiamo essere sempre fatalisti. Se tutto non è assegnato al caso o al Caos, allora, dobbiamo porci altre domande e, forse, fare altre considerazioni. Noi viviamo, purtroppo, del nostro presente e tutto quello che ci capita, è esclusivo: succede solo adesso. Abbiamo perso la memoria storica, non conosciamo la storia degli avvenimenti che hanno, sempre, modificato il nostro modello di vita individuale e collettivo. C’è un filo rosso della storia dell’umanità che è fatta solo di distruzioni naturali, di sconvolgimenti climatici e tellurici.

Tutto questo ha,continuamente, fatto cambiare  le nostre abitudini, il nostro habitat, i nostri riti civili e sociali.

Quando questi sono crollati, l’uomo ha ricostruito, ma non ha potuto dare alcuna continuità alle tradizioni consolidate. Stiamo attenti a chi dice: ricostruiremo tutto come prima. Non è vero, si potranno trovare soluzioni ottimali per ricostruire materialmente, ma non si ritorna indietro. Non ci saranno più quelle testimonianze artistiche, in quel loro naturale contesto, che respiravano ed alimentavano i valori di una tradizione millenaria.

C’è il rischio che la cultura e le tradizioni di questi luoghi divengano materiale per un  museo di città perdute, sepolte, come la straordinaria testimonianza della città di Pompei. (79 d.C.)

 

Franchino Falsetti

 

Produzioni Millecolline

Diritti Riservati

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.